LO SNIPE
Ontologia dello Snipe
La storia
Usato
Mailing list
SCIRA ITALIA
TESSERAMENTO 2002
CALENDARI E BANDI REGATE 2002
RISULTATI REGATE 2002
RISULTATI REGATE 2001
FOTO
ARTICOLI
HYDE PARK CORNER
Fiesta
Vacanze romane; chi non c'era
S.I.L.P.
Ricetta del giorno
Qualche neo della classe
SIELP Sindacato Italiano Europeo Liberi Prodieri
Considerazioni su vela e velocità
Strumenti elettronici
Assegnati a Bracciano i Mondiali Master 2004
Il nostro sito compie un anno
Il mio Mundial
Sponsor
Ci siamo trovati bene
Hyde Park Pork
ANZIO 2002
LINKS


Strumenti elettronici

Divieto anacronistico?

12 aprile. Lo scorso sabato a Trieste, complice la bora forte che soffiava, ho pensato
di uscire in regata con un cardiofrequenzimetro (non faccio nomi per non
rinfocolare la noiosa querelle sulla pubblicità sulla lista). I dati della
frequenza cardiaca li avrei potuti poi "scaricare" tramite interfaccia sul
mio PC. La vela normalmente non è uno sport eccessivamente faticoso, ma in
condizioni dure può diventarlo. Mi interessava registrare e valutare il
"carico di lavoro" durante una regata con vento forte e paragonarlo con
quello di altri sport, notoriamente duri come il ciclismo. Ho informato di
questa mia intenzione Giorgio Brezich e Stefano Longhi, che mi hanno
diffidato tra il serio e il faceto (non so in verità quanto faceto) dal
farlo, ricordandomi la regola che vieta dispositivi elettronici, eccezion
fatta per il cronometro. Poi il vento è calato e non ne ho fatto niente,
dimenticandomi dell'accaduto.
Oggi ho letto la mail, che vi inoltro, sulla lista internazionale.
Per quale motivo la regola in oggetto vieta l'elettronica?
Qual'è la sua ratio?
Forse perché uno strumento elettronico costituisce un ausilio che svaluta le
capacità e il talento di un velista?
Forse perché tali strumenti costano troppo?
Forse perché odiamo le innovazioni?
Leggendo l'interpretazione ufficiale sembrerebbe che il motivo sia evitare
costi eccessivi. In realtà un capo di abbigliamento tecnico in molti casi è
più costoso.
Non è questa dunque la ratio sottesa a tale norma!
Neppure si può sostenere che una bussola o un altimetro o un barometro,
incorpotrati in un orologio da polso svalutino il marinaio. Questi strumenti
sono più che altro dei giocattolini che si acquistano essenzialmente per
sfizio e credo che nessuno pensi che chi lo abbia in dotazione possa trarne
un qualche vantaggio.
Forse l'unico strumento elettronico - utilizzabile sulle derive - che
potrebbe dare, almeno teoricamente, un qualche vantaggio è una bussola
elettronica applicabile sull'albero (diffusa in altre classi) che consente
(così sembra) di farci capire se ci troviamo sul  buono e sullo scarso (lift
or header) senza bisogno - come succede con una normale bussola - di
annotare o memorizzare (nel significato di "tenere a mente") i gradi bussola
relativi ad ogni bordo.
Il vero motivo sembra quindi quello di bandire strumenti elettronici, onde
evitare che si debbano operare dei distinguo tra questo o quello strumento,
cioè tra lo strumento che aiuta e lo strumento che è indifferente ... salvo
poi consentire l'uso di ciò che è usuale: il cronometro al quarzo.
Ecco allora che scopriamo la vera ratio: non c'entra nulla il fatto di
evitare di svilire l'arte marinaresca; si vogliono semplicemente vietare le
innovazioni; è lecito usare ciò che è di uso comune e consolidato, posto
che, in verità, sono d'aiuto - e pertanto in un certo senso svalutano il
marinaio ... con la barba e la pipa che fiuta il vento - anche lo stesso
cronometro e la vecchia bussola magnetica.
E' troppo sottile ed arbitraria la differenza tra l'ausilio accettabile e
dunque lecito, è l'ausilio inaccettabile e dunque vietato!
Più semplice è vietare cio che ancora non è diffuso tra i più!
Una riprova di questo si è vista a Punta del Este, dove la SCIRA tollerava i
"patacconi scandinavi" con bussola da polso che moltissimi regatanti
indossavano, rendendo di fatto l'interpretazione ufficiale una
mistificazione: non è possibile motivare il divieto con la questione dei
costi!
Phantomas